CIVIS

Il progetto CIVIS  (Cittadinanza e Integrazione in Veneto degli Immigrati Stranieri) mira a promuovere, sostenere, valorizzare e implementare le attività di formazione linguistica e educazione civica nel territorio regionale, per cittadini di Paesi non appartenenti all’Unione Europea.

Il progetto risponde all’Avviso del Ministero dell’Interno per la formazione civico linguistica dei cittadini di Paesi terzi, a valere sul Fondo Asilo, Migrazione e Integrazione (F.A.M.I.) [Obiettivo Specifico 2. Integrazione/Migrazione legale – Obiettivo nazionale ON 2 – Integrazione – lett. h) Formazione civico linguistica – Piani regionali formazione linguistica]

Capofila unico del Progetto è la Regione Veneto, responsabile unico nei confronti dell’Amministrazione dell’esecuzione del progetto, della corretta gestione degli oneri finanziari ad esso imputati attraverso Veneto Lavoro.

Partner obbligatorio è l’Ufficio Scolastico Regionale per il Veneto che collabora con il Capofila nel processo di progettazione, programmazione e realizzazione dei Piani Regionali.

L’USR Veneto è chiamato a individuare i CPIA che erogheranno le azioni formative di base, a verificare, ai fini della relativa  autorizza-zione, l’effettiva necessità di attivare le azioni formative oltre quelli già regolarmente attivi e funzionanti nell’ambito delle attività ordinamentali.

I Centri Provinciali per l’Istruzione degli Adulti sono i soggetti chiamati ad erogare le Azioni Formative.

  • Destinatari

I destinatari della azioni formative sono:
i cittadini di Paesi terzi regolarmente soggiornanti sul territorio nazionale, e i titolari di protezione internazionale (rifugiati e titolari di protezione sussidiaria), con riguardo a target vulnerabili (ad es.: donne, donne in stato di gravidanza, minori a rischio di esclusione, MSNA, persone analfabete, persone con disabilità fisiche o cognitive, vittime di tratta). Non è ammessa l’iscrizione e la frequenza ai corsi di migranti in attesa di asilo, di irregolari e di comunitari.

  • Obiettivi

Far acquisire agli adulti stranieri provenienti da Paesi terzi e regolarmente soggiornanti un adeguato livello di conoscenza della lingua italiana al fine di facilitare il raggiungimento degli obiettivi

  1. di integrazione
  2. di competenze
    • alfabetiche,
    • linguistiche,
    • civiche,
    • di interrelazionarsi con le persone e con i servizi del territorio (scuole, comuni, servizi sanitari e servizi per il lavoro, etc.).

Cosa prevede il progetto

  1. Azioni formative
    • di base
    • specifiche
  2. Servizi Complementari
    • Servizi di mediazione linguistica e culturale e di orientamento (non gestite dai CPIA)
    • Servizio babysitting e trasporto (non gestite dai CPIA)
    • Spese assicurative a carico dei CPIA (finanziate nel progetto)
  3. Supporto gestionale e servizi strumentali
    • Attività di Ricerca Scientifica
    • Sviluppo della formazione dei formatori
    • Realizzazione di nuovi materiali didattici
    • Scambio transregionale di buone pratiche.

Il Tutoraggio

Secondo le Linee Guida di progetto: il Tutor svolge funzioni di supporto all’attività di formazione civico-linguistica e di accoglienza e orientamento nonché collabora alla definizione dei percorsi personalizzati attraverso attività di front e/o back office:

  • in appoggio al docente e alla didattica in aula,
  • come punto di riferimento individuale per il singolo corsista, in special modo se si è in presenza di soggetti vulnerabili (anche allo scopo di raccogliere iscrizioni, motivare alla frequenza),
  • per attività organizzative e di segreteria per il singolo corso (monitoraggio presenze, etc.),
  • per la facilitazione delle attività sperimentali o di formazione specifica (e-learning, uso di attrezzature, .. ).

Può essere anche una figura esterna al CPIA che esercita una preziosa funzione di riferimento territoriale (ad es. un docente dell’istituto comprensivo con funzione strumentale, un rappresentante di un’associazione che coinvolge donne immigrate.

Servizi complementari a capo dei CPIA

Tutti gli studenti che si iscrivono ai corsi, in base alla normativa vigente, devono obbligatoriamente essere assicurati contro gli infortuni e la responsabilità civile.

E’ pertanto previsto tale adempimento per tutti gli studenti iscritti ai corsi di ogni livello.

NON è consentito chiedere alcun contributo agli studenti delle azioni formative CIVIS V.

Servizi supplementari

  • RICERCA rilevazione dell’impatto della conoscenza linguistica in relazione all’integrazione.
  • FORMAZIONE FORMATORI per il miglioramento delle competenze di progettazione e organizzazione metodologica di insegnanti e tutor e per costruire protocolli operativi volti alla regolazione degli interventi di supporto alla formazione degli studenti.
  • PRODUZIONE DI NUOVI MATERIALI DIDATTICI  per il miglioramento della didattica e per la progettazione delle azioni formative per Unità di Apprendimento.
  • SCAMBIO TRANSREGIONALE per lo scambio e il confronto di buone pratiche didattiche, amministrative, gestionali con altri contesti regionali.

 

Progetto CIVIS V – 2016-2017