Ordinanza Ministeriale relativa agli esami di Stato nel secondo ciclo di istruzione

L’Ordinanza Ministeriale n. 10 del 16 maggio 2020 stabilisce le linee guida per lo svolgimento dell’esame di stato nel secondo ciclo di istruzione.

L’esame si svolgerà in presenza – massimo 5 maturandi al giorno – attraverso un colloquio orale della durata massima di 60 minuti in presenza della commissione composta da sei docenti interni e un presidente esterno.

Nei percorsi di secondo livello nel colloquio la commissione propone al candidato, di analizzare testi,
documenti, esperienze, progetti e problemi per verificare l’acquisizione dei contenuti e dei metodi propri delle singole discipline previste dal suddetto percorso di studio personalizzato (articolo 17, comma 4).

Per il calcolo del credito scolastico (articolo 10, comma 4) per i candidati dei percorsi di istruzione per gli adulti di secondo livello:

  • in sede di scrutinio finale il consiglio di classe attribuisce il punteggio per il credito scolastico maturato nel secondo e nel terzo periodo didattico;
  • il credito maturato nel secondo periodo didattico è convertito sulla base delle fasce di credito relative alla classe quarta di cui alla tabella B dell’Allegato A dell’Ordinanza. Il credito così ottenuto è moltiplicato per due e assegnato allo studente in misura comunque non superiore a 39 punti;
  • il credito maturato nel terzo periodo didattico è attribuito sulla base della media dei voti assegnati, ai sensi della tabella C all’allegato A dell’Ordinanza, in misura non superiore a 21 punti.

L’Ordinanza prevede la possibilità di effettuare il colloquio orale in videoconferenza per  i candidati degenti in luoghi di cura od ospedali, detenuti o comunque impossibilitati a lasciare il proprio domicilio nel periodo dell’esame. All’articolo 7 (Effettuazione delle prove d’esame in videoconferenza) si legge:

1. I candidati degenti in luoghi di cura od ospedali, detenuti o comunque impossibilitati a
lasciare il proprio domicilio nel periodo dell’esame, inoltrano al dirigente scolastico prima
dell’insediamento della commissione o, successivamente, al presidente della commissione
d’esame, motivata richiesta di effettuazione del colloquio fuori dalla sede scolastica,
corredandola di idonea documentazione. Il dirigente scolastico – o il presidente della
commissione – dispone la modalità d’esame in videoconferenza o in altra modalità
telematica sincrona.

2. La modalità d’esame in videoconferenza o in altra modalità telematica sincrona è
utilizzata anche per gli esami di Stato delle sezioni carcerarie, qualora risulti impossibile
svolgere l’esame in presenza.

Per gli adulti frequentanti i percorsi di primo livello – primo periodo didattico le indicazioni relative allo svolgimento dell’esame finale del primo ciclo di istruzione sono contenute nell’Ordinanza Ministeriale  n. 10 del 16 maggio 2020

Scarica qui gli allegati:

Scarica il Documento tecnico sulla rimodulazione delle misure contenitive nel settore scolastico per lo svolgimento dell’esame di stato Documento scuola – Esami di stato