Fausto – Una testimonianza dal CPIA di Padova

Scegliamo di pubblicare quanto apparso sul sito del CPIA di Padova, lunedì 11 Gennaio 2021. 

Sono un’insegnante fortunata. I miei alunni sono persone speciali. Sono adulti, vengono da diverse parti del mondo, a volte dall’Italia, e portano con loro un’infinità di storie. Non ce le raccontano: e noi non gliele chiediamo. Quelle storie sono tutte negli zaini invisibili che i nostri alunni si portano sulle spalle quando si siedono al banco. Sono pesanti quegli zaini: riescono a piegare gli sguardi dei nostri ragazzi verso terra, al pavimento. Noi insegnanti con alcuni stratagemmi proviamo a sfilarglielo quel peso. A volte è un angolo molto acuto che con un suo problema fa scivolare la cartella giù a terra e lo sguardo torna dritto all’insegnante di matematica e alla lavagna…”

Continua a leggere QUI